PROFILO - Architetto Gian Maria Enrico Barbotto
PAG. 1 2
 


Milanese di nascita e di madre, piemontese di padre, Gian Maria Barbotto studia in Italia ed all’estero, operando anche come pilota aereonautico in varie zone dell’Africa, isole Mascarene, Madagascar e degli Stati Uniti. Lascia l’Italia alla fine degli anni 70 per ritornarvi la fine del primo decennio dopo il 2000 , anche se non in modo definitivo. La sua vocazione per il design e l’arte, per “il costruire cose belle” lo vedono timido interprete dei suoi pensieri in un primo periodo di esperienze, anche di scarso successo, per poi radicarsi con fermezza nei suoi lavori e creazioni più belle in vari continenti quali: Africa USA, America Latina, Europa meridionale. Costruisce personalmente molte delle sue opere lavorando in prima persona nei suoi cantieri, scolpendo la pietra, il corallo, creando malte colorate nella medesima maniera “antica di ossidi e di arte”…., realizza ville di notevole bellezza e prestigio in varie località signorili del globo. A New York, conosce principi per i quali lavora ed a Las Vegas, incontra il suo grande amico per la vita Oran Andersen Barns, indiano Cherokee, col quale costituiscono una piccola ma solida società….., con Barney Gian gira per lavoro molte delle città degli Stati Uniti. A Las Vegas sposa Rosalba, per la quale costruirà le opere più significative della sua vita. Dagli Stati Uniti assimila tecnologie di costruzioni Hi-Tech, che perfezionerà in India ed in Srilanka. Si considera “un artista, che conosce la scienza del costruire sano e con armonia, rispettando la Natura”…., non ambisce al denaro, ma alla” tranquillità con la sua famiglia di erbe e di animali”. Nutre grande passione per la natura e per i suoi amici animali, ai quali dedica insieme alla sua compagna, molte energie. Le sue opere si distinguono rapidamente e con semplicità, nonostante i possibili stili differenti, per l’armonia, che sa dare quelle emozioni inattese ed intense…. Le sue illuminazioni particolari e le tecnologie da lui utilizzate, rendono gli ambienti notturni ”speciali e densi di sapori fiabeschi”….., ama Gaudi, l’architetto di Dio! - CONTINUA

 
Gian Maria Barbotto
mappa del sito
lavori
libri
portfolio
profilo
download
links
info
e mail home  


  PROFILO - Architetto Gian Maria Enrico Barbotto
PAG. 1 2
 


Milanese di nascita e di madre, piemontese di padre, Gian Maria Barbotto studia in Italia ed all’estero, operando anche come pilota aereonautico in varie zone dell’Africa, isole Mascarene, Madagascar e degli Stati Uniti. Lascia l’Italia alla fine degli anni 70 per ritornarvi la fine del primo decennio dopo il 2000 , anche se non in modo definitivo. La sua vocazione per il design e l’arte, per “il costruire cose belle” lo vedono timido interprete dei suoi pensieri in un primo periodo di esperienze, anche di scarso successo, per poi radicarsi con fermezza nei suoi lavori e creazioni più belle in vari continenti quali: Africa USA, America Latina, Europa meridionale. Costruisce personalmente molte delle sue opere lavorando in prima persona nei suoi cantieri, scolpendo la pietra, il corallo, creando malte colorate nella medesima maniera “antica di ossidi e di arte”…., realizza ville di notevole bellezza e prestigio in varie località signorili del globo. A New York, conosce principi per i quali lavora ed a Las Vegas, incontra il suo grande amico per la vita Oran Andersen Barns, indiano Cheroky, col quale costituiscono una piccola ma solida società….., con Barney Gian gira per lavoro molte delle città degli Stati Uniti. A Las Vegas sposa Rosalba, per la quale costruirà le opere più significative della sua vita. Dagli Stati Uniti assimila tecnologie di costruzioni Hi-Tech, che perfezionerà in India ed in Srilanka. Si considera “un artista, che conosce la scienza del costruire sano e con armonia, rispettando la Natura”…., non ambisce al denaro, ma alla” tranquillità con la sua famiglia di erbe e di animali”. Nutre grande passione per la natura e per i suoi amici animali, ai quali dedica insieme alla sua compagna, molte energie. Le sue opere si distinguono rapidamente e con semplicità, nonostante i possibili stili differenti, per l’armonia, che sa dare quelle emozioni inattese ed intense…. Le sue illuminazioni particolari e le tecnologie da lui utilizzate, rendono gli ambienti notturni ”speciali e densi di sapori fiabeschi”….., ama Gaudi, l’architetto di Dio! - CONTINUA